giovedì 19 luglio 2012

Dimissioni: nuove regole

Da ieri è obbligatoria la convalida delle dimissioni dei lavoratori dipendenti.
In teoria, funziona così:
Pippo dà le dimissioni, per iscritto o a voce, a Ditta;
Ditta scrive, entro 30 gg dalla ricezione delle dimissioni, una lettera a Pippo chiedendogli di convalidare le dimissioni;
Pippo, entro 7 gg dalla ricezione della lettera di Ditta, deve dare convalida e può farlo in due modi:
modo 1)
andare alla Direzione territoriale del lavoro o al Centro per l’Impiego e convalidare lì le dimissioni
modo 2)
sottoscrivere la lettera di Ditta.

Restano da chiarire parecchie cose, tipo chi/come fa cosa e che gli succede se la fa sbagliata o non la fa proprio.
Si attendono chiarimenti dal Ministero.

Tutto questo ambaradan dovrebbe servire a contrastare il fenomeno delle dimissioni in bianco.
Dico dovrebbe perché a me (pur non essendo Professore ordinario di Economia politica all'università di Torino,  Coordinatore Scientifico del CeRP, Honorary Fellow del Collegio Carlo Alberto, Membro del Collegio Docenti del Dottorato in Scienze Economiche dell’Università di Torino e del dottorato in Social Protection Policy presso la Maastricht Graduate School of Governance, docente dell'Università di Maastricht, membro del Nucleo di Valutazione della Spesa Previdenziale, membro del Comitato Scientifico dell'Observatoire de l'Epargne Européenne di Parigi, membro del comitato editoriale della Rivista Italiana degli Economisti, editorialista del quotidiano economico e finanziario il Sole 24 ore)  sembra evidente che se Ditta al momento dell'assunzione di chiunque, gli fa firmare in bianco anche la lettera di richiesta di convalida, Ditta può continuare a fare quel che le pare.


11 commenti:

  1. Ma possibile che questi super esperti non abbiano pensato a questa possibilissima eventualità?

    RispondiElimina
  2. Mi stavo chiedendo infatti dove fosse la "genialata"...
    E infatti non c'è! tutto come prima, solo con più burocrazia.

    RispondiElimina
  3. In Italia funziona così: fatto l'inganno, trovata la legge. Cioè, facciamo le leggi per proteggere i soliti furbi...

    RispondiElimina
  4. Come sempre: fatta la legge, trovato l'inganno.
    Anche se a volte si ha come l'impressione che PRIMA si studi l'inganno, e SOLO DOPO si faccia la legge.
    Megaciao!

    RispondiElimina
  5. E' appena uscita la circolare del Ministero. Per me questa parte della legge fa la stessa fine della precedente, che fu cancellata perché di fatto inapplicabile.

    RispondiElimina
  6. Sono sicura che se tu non avessi fatto 'sto post, a nessuno sarebbe venuta in mente l'idea. Sei una guastafeste! Sei peggio di un esodato! :P

    RispondiElimina
  7. adesso mi è chiaro tutto (mi riferisco alla fornero)

    RispondiElimina
  8. Misteri misterioso.
    Il governo Prodi fece una cosa sensata (che va ricordata, dato che di cose sensate ne ha fatte pocherrime).

    C'era tutto questo ambaradan di lettere, con una postilla.
    Le lettere erano numerate in sequenza e in mano al collocamento/agenzia per il lavoro/come si chioamaquellarobalìadesso.

    Quindi il gionro che tizio si licenzia, prende il foglio numerato, lo compila e da le dimissioni.
    Va da se, diventava inspiegabile se uno saltava fuori con una domanda di dimissioni di una serie staccata anni prima.
    Si accettavano solo domande di dimissioni 'fresche'
    Calderoli, Ministrro della semplificazione, semplificò la procedura (che va ricordata, dato che di cose semplificate ne ha fatte pocherrime).

    A quello che ho capito, questa nuova versione ripernde il principio Prodi con la semplificazione Berlusconoide di non avere data certa - Mi sembra l'uovo di Colombo.
    Così non serve a niente ma sembra che il problema non c'è più.
    E qualche statale in meno da mettere in mobilità che deve smazzarsi questa cartaccia.

    (domanda: ma un simpatico sito internet in cui il lavoratore si inscrive e si licenza on-lain in tempo reale, faceva brutto, vero?))

    RispondiElimina
  9. vero perchè ditta solitamente trova il modo di fare ciò che vuole e spesso con l'avvallo del governo :(

    RispondiElimina
  10. @Alberto: se anche ci hanno pensato, cosa di cui dubito, non gliene frega niente, l'importante è fare ammuina
    @Teresa: infatti
    @Zank: sì, proprio così
    @Azalea: è più che un'impressione
    @Pyperita: ho visto la circolare, di questo non parla; dubito assai che la cancelleranno perché non danneggia i "padroni"
    @Santarellina: come mi dissero una volta, sono peggiorissima
    @Ruben: ah, buona quella!
    @Locomotiva: ma scherzi?! fare una roba semplice, intelligente e corretta per tutelare degli sporchi lavoratori? non sia mai
    @Ernest: quasi sempre con l'avallo del governo

    RispondiElimina